Viaggi ed escursioni nel Gargano | Pacchetti viaggio personalizzati nel Gargano | Vacanze Puglia

Il mio stato
Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Diari di Viaggio a Mattinata nel Garano

Localita' > Mattinata

MATTINATA - MONTE SACRO - STAGNO LA TAGLIATA
Storie di ordinaria follia


Oggi a valle di
Monte Sacro, in località Tagliata, la presenza di uno stagno popolato di rane (i cosiddetti Cutini), interrompe una distesa di verde dell’altopiano che fa tanto “Irlanda”. Questa zona, che ricorda anche certi paesaggi alpini per la tranquillità e l’aria fresca e leggera, si presta per il turismo montano.

Mattinata Monte Sacro - Stagno La Tagliata

Ma ad attirare frotte di turisti è però una leggenda pruriginosa, ma dal sapore amaro: la arcinota leggenda di Tagliata, che spiega anche il perché di quel nome (tagliata) della località.
Leggenda narrata dai nostri avi ai piccoli dinanzi al caminetto, durante le gelide serate invernali.
Facile in quei casi dar fuoco alla fantasia.
Ad ogni buon conto si narra che allora l’altopiano ai piedi del monte era popolato da fattorie e masserie.
I pastori durante la transumanza “scendevano” a valle e restavano lontani da casa per mesi e mesi.
Lasciando quindi le donne con i piccoli.
Secondo le usanze di allora, i monaci del vicino convento, esseri demoniaci, uscivano dalle mura dell’abbazia per la questua e visitavano le masserie.
Forse non si limitavano solo a chiedere il pane, ma anche dell’altro.
Resta il fatto che i pastori tornando a casa dopo la lunga assenza si ritrovarono con le mogli ingravidate.
Scoppiò una rivolta, i contadini si armarono di forconi e falci ed assaltarono l’abbazia.
I monaci fuggirono addirittura volando. Ma furono acciuffati a valle.
Subito dopo andò in onda una feroce decapitazione di massa.
Ecco perché la località prese il nome Tagliata.

FRANCESCO TROTTA da La Gazzetta del Mezzogiorno

In località Tagliata (alle pendici del versante nord di Monte Sacro) c'è un bivio che porta ai "cutini", bacini d'acqua che si riempiono nella stagione invernale formando bei laghetti che spiccano nel verde dei pascoli lungo il versante orientale di M. Sacro nell’area di Parco Orefice.
Nelle sue acque sono presenti il Tritone italico (Lissotriton italicus) ed il Tritone crestato (Triturus carnifex) ed il bivalve Musculium lacustre.

Diari di Viaggio nel Gargano

Esperienze e racconti di viaggio nel Gargano. Inviateci i vostri racconti saranno pubblicati

Home Page | Informazioni | Localita' | Escursioni | Hotels Gargano | Diari di viaggio | Contatti | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu